AZIENDA
Homepage
La storia
Chi siamo
Il Sistema Integrato
La nostra flotta


GARE
Sistemi di qualificazione
Bandi
Avvisi di Gara esperita
Fornitori


AREA DOWNLOAD
Rapporto di sostenibilità
Opuscoli orari
Carta della mobilità
Altre Pubblicazioni



POOL QUALITA'
Sondaggio
CdS nelle Aziende di TPL

NEWSLETTER








MODELLO ORGANIZZATIVO 231

8^ revisione del “Modello Organizzativo 231/01”

 

Col D.Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 (successivamente integrato da altre disposizioni normative) è stata introdotta nel nostro ordinamento la cosiddetta responsabilità amministrativa da reato delle società e, più in generale, degli enti (se pubblici, solo economici).

 

In sostanza, qualora una persona che riveste (anche di fatto) la qualifica di amministratore, dirigente, rappresentante, preposto o dipendente della società commetta, anche di propria iniziativa, ma comunque nell’interesse o a vantaggio della società stessa, determinati reati, la responsabilità si estende anche alla società, nei confronti della quale potranno applicarsi, a seconda della gravità del fatto, sanzioni pecuniarie e/o interdittive.

Tuttavia, tale estensione di responsabilità non è automatica; il decreto infatti ‘libera’ l’ente da qualsiasi responsabilità, purché lo stesso possa dimostrare, tra l’altro, che già prima della commissione del fatto, aveva adottato ed efficacemente applicato un regolamento interno (‘modello organizzativo’).

In conformità al Decreto legislativo 231/01 e allo scopo di assicurare una sempre maggiore garanzia di trasparenza dei propri comportamenti, La Compagnia Trasporti Pubblici si è dotata di un proprio Modello Organizzativo.

 

 

Il “modello” utilizza ed estende le procedure e le regole di comportamento definite dal Sistema di Gestione Integrato. In particolare, si compone di:

 

- una parte generale dedicata a:

  • descrizione della funzione del modello e del sistema di formazione/informazione sulle sue finalità e i suoi contenuti;
  • regolamento dell’Organo di controllo, deputato alla vigilanza sul funzionamento e sull’osservanza delle regole contenute nel modello;
  • sistema disciplinare diretto a sanzionare il mancato rispetto delle misure indicate nel modello medesimo;

 - una parte speciale dedicata a:

  •  individuazione delle cosiddette "aree di rischio", ovvero aree di attività nel cui ambito possono essere commessi i reati previsti dalla normativa;
  • definizione dei protocolli/procedure comportamentali da adottare per prevenire la commissione dei reati sanzionati dal Dlgs 231;
  • definizione delle modalità di gestione delle risorse finanziarie idonee ad impedire la commissione dei reati.

Visualizza il "Modello Organizzativo 231" rev. del 7/4/2016

 

Per eventuali comunicazioni: odv231@cotp.it


TORNA INDIETRO

MOOVIT

RICERCA E SVILUPPO
Sviluppo sostenibile
Ambiente
Tecnologie
Società e Formazione
Modello Organizzativo 231


PROGETTI
Europei
Gli altri progetti


TITOLI DI VIAGGIO
Titoli UNICOCAMPANIA
Titoli CTP


RASSEGNA STAMPA
Dicono di Noi
Altre Recensioni


LINKS
Gli Enti proprietari
UNICOCAMPANIA



novembre 2017
lmmgvsd
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930   
dicembre 2017
lmmgvsd
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Area Riservata
Entra






Ultimo aggiornamento: martedì 21 novembre 2017 ore 13.58




copyright © - CTP - Tutti i diritti riservati
SEDE LEGALE: C.so Salvatore D’Amato, 51 - 80022 Arzano (Na) - E-MAIL: info@cotp.it - PEC: protocollo-ctp@pec.it - P.IVA: 01569570631
credits

risoluzione minima consigliata: 1024 x 768